nichivendola - 2013

BLOG

Post: Bavaglio berlusconiano all’informazione, tocca a Milena Gabanelli

Autore: Nichi

La paura serpeggia anche nelle redazioni.
Dove si fa informazione, dove si lavora per narrare i fatti di tutti i giorni, arriva silenziosa la mannaia della crisi e lo spettro dei licenziamenti e dei prepensionamenti.
E dove la paura non si avverte, dove c’è ancora il coraggio e la voglia di fare, dove c’è ancora l’orgoglio di fare vera informazione, ci pensano zelanti censori a minacciare, intimidire, zittire come per il caso della pattuglia di Milena Gabanelli e di Report, messi sotto il fuoco incrociato dai vari Bondi e Gasparri.

L’attacco all’informazione è sotto gli occhi di tutti ed assume diverse forme. Vauro, Santoro, Milena Gabanelli.
Ma l’attacco più grave all’autonomia dei giornalisti arriva da provvedimenti innocui quanto invisibili.

Il governo Berlusconi ha stanziato qualche milione di euro per “affrontare la crisi” e pagare i prepensionamenti a una rilevante parte delle redazioni dei più grandi giornali italiani, Corriere della Sera e Repubblica in testa.
Per non parlare poi dei sempre minacciati tagli alla stampa di opinione.
Tutto ciò significa una sforbiciata del 25% dei giornalisti in servizio a fronte di una società sempre più complessa dove la massa di informazioni è elevatissima ma mancano le lenti per leggerle e analizzarle criticamente.
Una di queste lenti è rappresentata – nonostante tutto - dai giornalisti che, nella loro autonomia, selezionano e gerarchizzano, insomma fanno “pubblica opinione”.

In Italia questo lavoro non è mai stato neutrale, con i giornali e le Tv in mano ai grandi gruppi industriali che dall’informazione vogliono servigi e non verità. Ma con i tagli ai giornali (e anche alle Tv) questo sarà sempre più facile. Perché i nuovi redattori dovranno districarsi nel loro orario di lavoro tra l’aggiornamento dei siti internet e la caccia alla notizia e tutto inevitabilmente scenderà di livello, molto al di sotto di quello pessimo attuale al quale ci stiamo inesorabilmente abituando.

Dovremo attrezzarci e da un lato dire no allo smembramento delle redazioni – strumento sottile per imporre la censura – e dall’altro opporci alla censura – quella vera – che investe i pochissimi spazi di approfondimento come alcune delle trasmissioni corsare della Rai.
E’ una questione di opposizione – quella vera – alle basi del berlusconismo.
E’ una questione di libertà.


6 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Ercolano diretta streaming e tv

Oggi alle 18 al MAV di Ercolano prende il via la campagna elettorale di Nichi per le primarie del centrosinistra. Potete seguire la diretta streaming su nichivendola.it Molto probabilmente l'evento sarà trasmesso in diretta da Sky, Rai News24, Telenorba e TgCom24.

Il codice di embedding dello streaming è:

embed code


5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Studenti

Gli studenti che oggi hanno manifestato contro i tagli all’istruzione raccontano di un disagio diffuso che riguarda il futuro degli Istituti di formazione, strettamente connesso al lavoro quindi al destino del nostro Paese. [...]Continua >

5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Insieme possiamo vincere

Ho inviato una lettera alle giovani donne e ai giovani uomini di FalloAncheTu, che nei giorni scorsi hanno lanciato un appello in sostegno della mia candidatura. Potete leggere il mio messaggio anche qui. Invadiamo il campo della politica, insieme possiamo vincere. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: In un Paese civile…

Le parole con le quali la Cassazione spiega perché, il 5 luglio scorso, confermò le condanne agli ex funzionari di polizia colpevoli della mattanza alla Diaz, riescono a restituire giustizia e verità a una delle pagine più buie della storia del nostro Paese. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Chi specula paghi!

Nichi Vendola ha firmato l'appello promosso da l'Unità per l'introduzione in Europa della Tobin Tax. Ecco la sua lettera apparsa oggi sul quotidiano fondato da Antonio Gramsci:
Cari amici e care amiche de l'Unità, 
aderisco all'appello lanciato dal giornale affinché il governo italiano porti una posizione a favore dell'introduzione della Tobin Tax nel prossimo vertice europeo
. [...]Continua >