nichivendola - 2013

BLOG

Post: Sul San Raffaele

Autore: redazione

Pubblichiamo il comunicato sulla conferenza stampa di Nichi Vendola e dell’Assessore Pelillo, tenutasi oggi a Bari, in merito al San Raffaele del Mediterraneo di Taranto:
Confermato l’investimento di 200 milioni per un grande ospedale pubblico tarantino (sia con la sperimentazione gestionale del San Raffaele di Milano sia con un’altra struttura di eccellenza)  e confermata anche la natura pubblicistica dei contratti per tutti i lavoratori medici e paramedici del futuro ospedale (nel caso in cui fosse la Fondazione San Raffaele del Mediterraneo). Il bando per la progettazione del nuovo ospedale inoltre sarà pubblicato dopo le opportune verifichi che la Fondazione del San Raffaele del Mediterraneo effettuerà con il nuovo management del San Raffaele di Milano per avere certezza e garanzia di continuità del progetto di “sperimentazione gestionale”. E se il San Raffaele di Milano dovesse andare incontro ad un fallimento, la regione Puglia continuerà nell’investimento di 200 milioni di euro per garantire alla città di Taranto un ospedale pubblico di alto livello. Questi in sintesi alcuni gli elementi emersi nella conferenza stampa di questa mattina convocata dal a Bari Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola per fare chiarezza sulla vicenda del San Raffaele del Mediterraneo. Insieme con lui, nell’incontro con i giornalisti, anche l’assessore al bilancio Michele Pelillo, il sindaco della città di Taranto Ippazio Stefàno, il Presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido, il direttore generale dell’Asl tarantina Fabrizio Scattaglia e il presidente della Fondazione San Raffaele del Mediterraneo Vittorio Dell’Atti.
“Noi abbiamo deciso, e questa mattina io l’ho confermato - ha detto il Presidente Vendola ai giornalisti - di investire 200 milioni di euro per costruire a Taranto uno dei più importanti poli della salute del mediterraneo. Non soltanto cioè un grande ospedale di avanguardia e moderno ma anche un centro di formazione, di didattica e di ricerca. Appunto, un polo della salute. Ribadisco - ha sottolineato ancora Vendola - con il San Raffaele di Milano non abbiamo alcuna relazione economica finanziaria. Stiamo cioè parlando solo di una sperimentazione gestionale di tre anni”.

Poi Vendola ha inteso chiarire anche una vicenda sollevata in questi giorni da più parti e che riguarda le preoccupazioni legate alla forma contrattuale dei medici e degli infermieri che oggi operano dei due ospedali tarantini, il Santissima Annunziata e il Moscati. “Io vorrei rassicurare questi lavoratori - ha detto Vendola - perché varranno, sia per loro che per i nuovi assunti, per oggi e per domani, solo contratti di natura pubblicistica in modo tale che nessuno possa speculare su questi aspetti”.
In merito poi alle voci di possibile fallimento del San Raffaele di Milano e le possibili ripercussioni sul San Raffaele del Mediterraneo, Vendola ha ribadito che la decisione è quella di aspettare. “Se ci fosse il fallimento - ha detto Vendola - è ovvio che per noi cambierebbe la natura della fondazione pugliese ma non il nostro obiettivo che resta quello dell’investimento di 200 milioni di euro per la sanità pubblica tarantina. Se invece non ci fosse il fallimento, a quel punto noi, avendo già pronti i bandi per la progettazione, li potremo mettere subito a gara”.

“Chissà perchè ogni volta che si vuole portare sollievo alla città di Taranto e al suoi dolori  - ha detto il Presidente Vendola - c’è chi prova ad intorbidire le acque e che prova a distruggere tutto quello che di positivo tentiamo di fare. C’è chi vive lucrando sui dolori e sulle tragedie di Taranto, c’è chi deve dare sempre una rappresentazione negativo di tutto. Forse c’è anche un business rilevante. Nonostante infatti i medici eccellenti che ci sono a Taranto e lo spirito di abnegazione degli operatori sanitari, un tarantino su tre fugge dagli ospedali tarantini per andare a ricoverarsi nel nord. Noi spendiamo tra i 120 e i 130 milioni di euro all’anno per la mobilità passiva cioè per le cure fuori regione. È come se noi, regione Puglia, ogni anno regalassimo prevalentemente al Nord  un ospedale da 120 milioni di euro”. Infine per quanto riguarda il ruolo della sanità privata in questa vicenda Vendola ha detto che “sulle carenze della sanità tarantina lucrano anche circuiti di sanità privata. Questi sono gli interessi che noi stiamo toccando . Sono troppi coloro che si arricchiscono sulle tragedie e sui dolori di Taranto. Noi vogliamo invece portare sollievo alla città di Taranto”.


6 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Ercolano diretta streaming e tv

Oggi alle 18 al MAV di Ercolano prende il via la campagna elettorale di Nichi per le primarie del centrosinistra. Potete seguire la diretta streaming su nichivendola.it Molto probabilmente l'evento sarà trasmesso in diretta da Sky, Rai News24, Telenorba e TgCom24.

Il codice di embedding dello streaming è:

embed code


5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Studenti

Gli studenti che oggi hanno manifestato contro i tagli all’istruzione raccontano di un disagio diffuso che riguarda il futuro degli Istituti di formazione, strettamente connesso al lavoro quindi al destino del nostro Paese. [...]Continua >

5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Insieme possiamo vincere

Ho inviato una lettera alle giovani donne e ai giovani uomini di FalloAncheTu, che nei giorni scorsi hanno lanciato un appello in sostegno della mia candidatura. Potete leggere il mio messaggio anche qui. Invadiamo il campo della politica, insieme possiamo vincere. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: In un Paese civile…

Le parole con le quali la Cassazione spiega perché, il 5 luglio scorso, confermò le condanne agli ex funzionari di polizia colpevoli della mattanza alla Diaz, riescono a restituire giustizia e verità a una delle pagine più buie della storia del nostro Paese. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Chi specula paghi!

Nichi Vendola ha firmato l'appello promosso da l'Unità per l'introduzione in Europa della Tobin Tax. Ecco la sua lettera apparsa oggi sul quotidiano fondato da Antonio Gramsci:
Cari amici e care amiche de l'Unità, 
aderisco all'appello lanciato dal giornale affinché il governo italiano porti una posizione a favore dell'introduzione della Tobin Tax nel prossimo vertice europeo
. [...]Continua >


SOSTIENI

Sostieni il sogno.



ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

Inserisci il tuo indirizzo email

CONTATTI

Ci trovi così