nichivendola - 2013

PARTECIPAZIONE

C’è un’Italia migliore - Estratto 1

Autore: admin

C’è un’Italia migliore
Il libro della Fabbrica di Nichi (ed. Fandango)

“Vogliamo una scuola pubblica moderna che sappia ridefinire i programmi ministeriali e sappia investire nelle forme più avanzate di educazione alla cittadinanza attiva e del rispetto degli altri e dell’ambiente. Una scuola pubblica moderna accetta la sfida dell’integrazione e riconosce la multiculturalità come una risorsa della nostra comunità. Una scuola moderna è, inoltre, pienamente consapevole del suo ruolo fondamentale nella società. “Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione“, sosteneva Victor Hugo: la dispersione scolastica minaccia ancora il futuro dei nostri giovani e della nostra società se consideriamo che dopo le scuole secondarie di primo grado, uno studente su cinque rinuncia a proseguire, perché va incontro a insuccessi scolastici. Ci sono zone delle nostre città, delle nostre periferie, in cui l’abbandono scolastico è strettamente legato alle dinamiche delle povertà, che finiscono molto spesso per legarsi a trame malavitose. L’unico modo per invertire la rotta è innalzare l’obbligo scolastico gradualmente fino ai 18 anni. Un provvedimento di questo tipo deve essere associato a una revisione dei meccanismi della scuola secondaria superiore, che deve recuperare le ore sottratte dalla Gelmini e preveda da una parte l’unificazione dei cicli liceali e tecnico-professionali e dall’altra maggiori investimenti nelle materie professionalizzanti. In questo modo la scuola tornerebbe a esercitare un ruolo preminente nell’organizzazione della società, della produzione e della formazione delle generazioni, che possono così scegliere consapevolmente il proprio futuro. Perché è di questo che si tratta, è questa la sfida cui è chiamato il nostro paese dalla globalizzazione e dalla crisi economica. Non si tratta solo di assicurarsi che le persone sappiano leggere e scrivere e abbiano quindi, una prima e sacrosanta alfabetizzazione. Il punto è fare in modo che il maggior numero di persone acceda a istruzioni superiori e universitarie e possa così mettere a frutto il proprio ingegno e le proprie capacità, contribuendo allo sviluppo e all’innovazione.” (pagine 72-73).

La fabbrica di nichi si fonda sull’autofinanziamento e su contributi volontari, se vuoi aiutarci puoi farlo acquistando questo libro.

acquista il libro
acquista la app per iPad e iPhone
calendario presentazioni del libro
ecco i nostri libri


6 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Ercolano diretta streaming e tv

Oggi alle 18 al MAV di Ercolano prende il via la campagna elettorale di Nichi per le primarie del centrosinistra. Potete seguire la diretta streaming su nichivendola.it Molto probabilmente l'evento sarà trasmesso in diretta da Sky, Rai News24, Telenorba e TgCom24.

Il codice di embedding dello streaming è:

embed code


5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Studenti

Gli studenti che oggi hanno manifestato contro i tagli all’istruzione raccontano di un disagio diffuso che riguarda il futuro degli Istituti di formazione, strettamente connesso al lavoro quindi al destino del nostro Paese. [...]Continua >

5 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: Insieme possiamo vincere

Ho inviato una lettera alle giovani donne e ai giovani uomini di FalloAncheTu, che nei giorni scorsi hanno lanciato un appello in sostegno della mia candidatura. Potete leggere il mio messaggio anche qui. Invadiamo il campo della politica, insieme possiamo vincere. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: Nichi

Post: In un Paese civile…

Le parole con le quali la Cassazione spiega perché, il 5 luglio scorso, confermò le condanne agli ex funzionari di polizia colpevoli della mattanza alla Diaz, riescono a restituire giustizia e verità a una delle pagine più buie della storia del nostro Paese. [...]Continua >


4 Ottobre 2012 / autore: redazione

Post: Chi specula paghi!

Nichi Vendola ha firmato l'appello promosso da l'Unità per l'introduzione in Europa della Tobin Tax. Ecco la sua lettera apparsa oggi sul quotidiano fondato da Antonio Gramsci:
Cari amici e care amiche de l'Unità, 
aderisco all'appello lanciato dal giornale affinché il governo italiano porti una posizione a favore dell'introduzione della Tobin Tax nel prossimo vertice europeo
. [...]Continua >